giovedì 14 gennaio 2016

Predator 2 - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
La domanda sorge spontanea: Che ci fa Predator 2 nella mia collezione di film? 
Avevo ricordi ambigui su questo titolo, non proprio positivi, per cui mi son detto - investighiamo - e ho avviato la riproduzione. 

Di buono c'è l'idea... Sulla carta funziona! Dopo la giungla giungla, ritrovare Predator nella giungla d'asfalto poteva essere sfizioso. Cacciare l'uomo nel suo ambiente preferito: la città. Ci vuole però una preda che valga la pena di cacciare, per cui viene scelto un poliziotto adrenalinico e indomabile (ahimè interpretato da Danny Glover). A mettere un po' di pepe sul di dietro di Predator è il fatto che anch'esso viene cacciato, dai federali, che grazie a strumenti sofisticatissimi sono - sempre - a un passo dal prenderlo... Ricordatevi bene, a un passo dal prenderlo. Lo ripetono spesso, ma alla fine che fanno se non ostacolare il tenente Mike Harrigan?

Poi guardi il film e ti trovi di fronte a un B-Movie dove la polizia arranca contro i criminali. Los Angeles sembra un terreno di guerra. I clan della droga hanno armi da esercito, la polizia ha pistole con strani accrocchi cromati attaccati alla canna, giusto perché fa più figo. Vedi volare agenti a terra, esplosioni, spacciatori carichi di fucili che sparano a caso e proiettili che passano automobili da parte a parte, tranne ovviamente quella dell'eroe di turno. La cosa più assurda sono i giornalisti, le televisioni, che fanno la cronaca minuto per minuto, tenendo persino il conto dei morti da una parte e dall'altra, come fosse il punteggio di uno sport agonistico. E' tutto così raffazzonato che cala in fretta la palpebra... e ci si risveglia poco prima dei titoli di coda. A mala pena si intravede il Predator nel dormiveglia. Il rumore di esplosioni, urla rabbiose, rimane in sottofondo. Che accade poco importa. Tutto già si è intuito nei primi minuti di film.
Era proprio come mi ricordavo.
Ok... Aggiungiamo la chicca! I Predator sono insediati in città da parecchio, e vanno a caccia da parecchio. La loro base è un vecchio mattatoio. Ovviamente i Federali lo tenevano d'occhio, ma mai hanno fatto nulla. E' Harrigan che entra da solo e li sbaraglia... Ovviamente non armato fino ai denti, bensì utilizzando una pistola trovata in loco, su un cadavere... Una pistola niente meno del 1715. 

Evitatelo, che c'è davvero poco di memorabile in questa pellicola.


Scopri i miei ebook cliccando QUI


About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')