mercoledì 20 maggio 2015

Fotografare la Luna - #Corso #Fotografia

Glauco Silvestri
L'astrofotografia non è roba da fotografi alle prime armi. Ci vuole una attrezzatura decente, ci vuole pazienza, ci vuole un ambiente non inquinato dall'illuminazione artificiale. Io ho sempre voluto fare qualche foto agli astri, ma non mi sono mai dedicato a questo tipo di fotografia a causa dei costi, e del fatto che 'ci vuole il manico' per riuscire a ottenere qualcosa di veramente bello.

In primis... avevo comprato il cavalletto sbagliato. E' leggerissimo e portabilissimo. Proprio per questo non serve a nulla. Vibra troppo. Anche col telecomando, basta un refolo di vento, basta una piccola regolazione dell'obiettivo, e lui si muove, oscilla, a volte mi fa perdere anche il soggetto. E' per questo che fino a oggi non mi ero speso in questo tipo di fotografia, se non per la luna, e magari un eclisse.

Tornare alla reflex ha riacceso la passione. Ho preso da parte qualche soldino, e grazie ad Amazon - roba che ai tempi della pellicola neppure esisteva - son riuscito a procacciarmi un bell'obiettivo senza spendere un botto. E tra poco mi arriva pure il cavalletto nuovo! L'inseguitore... oddio, quello costa troppo. Per cui dovrò rimanere sotto i 20 secondi, meglio 15, per evitare di fotografare delle strisce luminose.

Ma torniamo a bomba: La Luna.

Nel 2011, con la Panasonic e i suoi 600mm di obiettivo, avevo scattato questa foto (F/5,2 - 1/500s - ISO 320). Una bella 'luna rossa', o quasi rossa.
Click per ingrandire

A marzo di quest'anno, con la EOS 700D e lo zoom 80-200mm, scattai quest'altra (F/5,6 - 1/250s - ISO 500). In questo caso il 200mm diventa 320mm per via delle dimensioni del sensore APS-C.
Click per ingrandire

Ad aprile di quest'anno, con la EOS 700D e il Samyang 500mm (e aggiunta di duplicatore di focale 1X2, sempre Samyang, per un equivalente 1000mm), ho scattato la foto sottostante (F/8 - 1/30s - ISO 200).
Click per ingrandire
Tutte le foto sono state scattate dal terrazzo di casa, tutte su cavalletto. Gli scatti sono avvenuti a orari differenti della sera, lo dimostra il colore del cielo. Se non ricordo male la prima è stata scattata dopo le dieci di sera, la seconda è stata presa poco dopo le sette (non a caso si vedono anche alcune nuvole circostanti) e l'ultima intorno alle otto e mezza. 
La prima e l'ultima sono state ottenute con il cavallettone da 160cm traballoso. Quella di mezzo con il Gorilla Pod per SRL-Zoom (che regge fino a 3kg senza problemi). L'ultima, a guardarci bene bene, mostra un pochino di micromosso dovuto alle oscillazioni del cavalletto... Peccato che il Gorilla Pod non fosse in grado sorreggere la macchina fotografica con il Samyang montato. Del resto la macchina fotografica, con adattatore a T, duplicatore, e obiettivo, pesa quasi quattro chili.

La cosa più affascinante è che il Samyang è un obiettivo da utilizzare solo in manuale, per cui l'ultima delle foto che vi ho mostrato è stata pensata, e per ottenerla ho dovuto fare quattro o cinque tentativi. Il bello del digitale è che non devo preoccuparmi del costo della pellicola, e posso sbizzarrirmi a volontà nelle mie prove. E chissà cosa riuscirò a fare quando mi arriverà il nuovo cavalletto...




Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Google+

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')