lunedì 2 febbraio 2015

Lucy

Glauco Silvestri
Lucy è un film interessante. Vuole affrontare un tema piuttosto dibattuto nel mondo accademico, ovvero la possibilità o meno di poter sfruttare meglio le capacità potenziali del nostro cervello. E' noto che mediamente usiamo solo il 10% delle potenzialità stimate. I delfini raggiungono il 20%, ma tale capacità è specializzata nel sofisticato sistema di rilevamento sonar che permette loro di capire dove sono e dove stanno andando. Il film ipotizza, in modo forse troppo semplicistico, cosa potrebbe accadere se un essere umano fosse in grado di usare questo famigerato 100%.

Lucy è una studentessa. Vive a Taiwan. Suo malgrado, a causa di un ragazzo che ha conosciuto in discoteca, finisce invischiata in un traffico di droga. Viene costretta a fare il corriere. Le viene impiantato nello stomaco una nuova droga derivata da certe sostanze emesse dalle donne incinta, nella placenta, per favorire lo sviluppo del feto. Solo che durante il viaggio viene pestata a sangue, il sacchetto si rompe, e la sostanza entra in circolo. Ciò le procura una sorta di... mutazione, e lentamente comincia ad acquisire potenzialità incredibili, e il suo cervello comincia a lavorare al di sopra di ogni aspettativa. Consapevole che l'incidente la porterà alla morte, la ragazza cerca di contattare uno scienziato che studia per l'appunto l'evoluzione del cervello, così da raccontargli quanto le sta accadendo. Però il trafficante di droga è sulle sue tracce, ignaro di quanto le è successo, vuole solamente recuperare, e a ogni costo, la sostanza che stava contrabbandando.

Il film ha molti pro, e qualche contro. Scarlett Johansson è un pro (c'è poco da fare, ho un debole per lei). Il tema affrontato è un pro. Il fatto di parlare di questo tema proiettandolo in una vicenda di droga è originale, e per una volta non si cade nel metafisico, o nel religioso. E' una storia terra terra, di quelle a metà tra l'action e il poliziesco, con un risvolto trasversale che profuma di sci-fi. Mi piace. Si guarda volentieri, non ci sono cadute di ritmo, l'attenzione è garantita, ci si diverte, e si viene persino stimolati a pensare, a incuriosirsi su temi poco battuti. La CGI è perfetta e talmente integrata nella vicenda da rendere credibile tutto ciò che accade. E' davvero un film ben fatto, e gli interpreti, a mio parere, calzano benissimo i panni dei loro personaggi. Però ci son sempre le solite cadute di stile. La peggiore è sul finale, ovviamente, questo tipo di film finisce sempre per cadere in qualche semplificazione troppo ingenua. [Spoiler]Come può, una banale chiavetta usb commerciale, contenere tutto lo scibile registrato da Lucy, che va dall'oggi, a ritroso, fino all'origine dell'universo?. E se è in grado di manipolare le proprie cellule al punto da cambiare forma, che cosa le impedisce di rimanere in vita? Il suo sistema è stato sovraccaricato, è vero, ma se il cervello è in grado di farla muovere indietro nel tempo, portando oggetti con sé, di controllare i corpi di altri individui, di manipolare la materia grezza per realizzare nuovi oggetti, e nuove macchine, perché non dovrebbe poter fare altrettanto a sé stessa, modificando il proprio corpo per resistere alle nuove condizioni?[Spoiler]
E' evidente che il film in un qualche modo doveva finire, ed era imponderabile elevare a Dio la giovane Lucy. Però è anche vero che il film avrebbe funzionato ugualmente evitando di far sì che il cervello potenziato della ragazza diventasse onnipotente. 

Sulla bilancia, comunque, il piatto dei pro ha la meglio su quello dei contro. Si guarda volentieri, intrattiene e diverte, stimola anche la riflessione. Merita di essere visto, assolutamente. Lo consiglio.


Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Vimeo

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

2 commenti:

  1. Un film tanto criticato, ma che anche per me presenta più pro che qualche inevitabile contro.
    La parte finale è un po' una cacchiata, però nel complesso Lucy offre parecchi spunti in più rispetto agli action medi in circolazione...

    RispondiElimina
  2. Io, soppesando pro e contro, non lo rivedrei e non lo consiglierei.
    I WTF? sono onestamente troppi, pur considerando tutte le attenuanti.

    RispondiElimina

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')