mercoledì 3 settembre 2014

Rocky 4

Glauco Silvestri
Dopo la debacle (a mio personale parere) di Rocky 3, la saga prosegue con il quarto episodio... dove ormai Rocky deve reinventarsi affrontando un nemico più nemico del nemico, ovvero il russo Ivan Drago, campione sovietico dei pesi massimi della categoria dilettanti.

Drago è un gigante, è allenato con le tecnologie più moderne, è dopato dall'unghia dell'alluce sinistro al lobo dell'orecchio destro. Ha uno sguardo glaciale, ed è accompagnato dall'affascinante Brigitte Nielsen. Il sovietico vuole battersi con Rocky, ma Apollo lo convince ad aspettare, e a organizzare una sorta di show amichevole tra lui e il sovietico.
Solo che lo show è tutt'altro che amichevole, visto che l'americano sberleffa in una tribuna stampa il gigante sovietico... e quest'ultimo se la prende a male, e lo massacra sul ring... uccidendolo addirittura.
A questo punto, colpo di scena, Rocky sfida Drago... ovviamente non si aspetta di vincere, ma lo deve all'amico defunto... poco importa che tenga famiglia. Accetta di combattere in Russia, e di allenarsi là, lontano da ogni distrazione ed eventuale tentennamento.
Il giorno del grande match? Il 25 dicembre!

Come va a finire lo sapete già, vero? Quando Rocky riesce a fare un graffietto a Drago, questo si spaventa e smette di essere il gigante di ferro imbattibile. Da quel momento per Rocky è cosa fatta...

Questo quarto episodio è stato fatto come avrebbe dovuto essere già il terzo. Il film è pieno di energia, è ben costruito, torna a focalizzarsi sui personaggi... Non posso certo affermare che sia il miglior Rocky, ma di sicuro il grafico che indica l'indice di gradimento torna a rivolgersi verso l'alto.
Persino il 'Ti spezzo in Due', frase già espressa da Mister T senza scatenare troppe emozioni in noi osservatori, qui viene riproposta nel modo giusto, con un bel accento sovietico, e pronunciata da una sorta di robot biondo alto due metri. Ecco... qui funziona alla grande, tant'è che se non avessi visto tutti i rocky in sequenza, neppure mi sarei accorto/ricordato che essa viene pronunciata per la prima volta da Cluber, e dopo Drago, ripetuta a ripetizione da Poley nell'angolo sovietico di Rocky mentre il campione pesta il russo.

Va be', il film si guarda bene, ma ciò che merita davvero, è la sua colonna sonora. Davvero epica e indimenticabile.


Scopri i miei ebook cliccando QUI.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')