sabato 5 ottobre 2013

Atari Portfolio

Glauco Silvestri
Il mio Atari Portfolio
Gli appassionati di retrocomputing, leggendo il titolo di questo post, avranno sicuramente avuto un brivido lungo la schiena. 
L'Atari Portfolio era un Handheld PC prodotto da Atari nel 1989, e fu il primo Handheld prodotto nella storia che fosse compatibile con i PC IBM. Il suo microprocessore era un Intel 8088 a 4Mhz, era compatibile con MSDOS, e aveva 128KB di ram (usabili come disco fisso) e 250KB di rom per il suo funzionamento. Aveva precaricati un foglio elettronico, una agenda, una rubrica indirizzi e un editor di testo. Ad esso potevano essere collegate delle estensioni, quali una porta parallela, seriale, o midi. E aveva la possibilità di espandere la propria memoria attraverso delle card specifiche (grandi come una carta di credito). Funzionava con tre batterie stilo tipo AA.

Praticamente era un antesignano dei Netbook di oggi...

Ecco... L'altra sera, dopo aver fatto la mia solita corsettina, mi cade l'occhio su una confezione di lego riposta su una scansia in cantina. La prendo, la apro e ci trovo dentro proprio il mio vecchio Portfolio. C'è l'apparecchio, una espansione ram, l'espansione per la porta parallela (che un tempo usavo per collegarlo alla stampante), e una card con a bordo una suite per la programmazione in basic (con manuale). Mancava solo il manuale del Portfolio stesso, che magari è dentro a uno scatolone vicino a dove tenevo la confezione dei lego.
In breve: lo porto su, lo pulisco dalla polvere, inserisco tre batterie nuove, lo accendo e... Urca! Funziona ancora perfettamente!

Ricordo ancora perché lo comprai... ero giovane e facile ad acquisti "passionali". Lo presi poco tempo dopo aver visto Terminator 2. Lo vidi in vetrina e non riuscii a evitare di entrare nel negozio e comprarlo. Credo di averlo usato davvero poco. Non avevo bisogno di un oggetto simile. Ma il richiamo era stato davvero irresistibile.

Come? Non avete capito il nesso tra questo apparecchietto e Terminator 2? John Connor lo usò per violare un Bancomat, e per aprire un sistema di porte automatiche basate su smart card.

Il video del bancomat l'ho trovato su youtube:



Che storia, eh?





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')