martedì 5 marzo 2013

Ring

Glauco Silvestri
E' il secondo romanzo di Suzuki che leggo. Questo libro, Ring, ha ispirato una serie cinematografica horror di qualche anno fa, ma vi assicuro che si discosta parecchio da tali film, da cui traggono solo spunto per far saltare gli spettatori dalla sedia.

L'ambientazione è quella degli anni ottanta. Un giornalista scopre per caso che quattro ragazzi, più o meno della stessa età, sono morti nello stesso medesimo istante, a causa della stessa medesima patologia.
Incuriosito, impiega poco tempo per scoprire che i quattro ragazzi si conoscevano vicendevolmente, e che avevano passato assieme una breve vacanza in un Resort poco distante da Tokyo, cinque giorni prima di morire.
Decide di andare a visitare il resort. Chiede di alloggiare nella medesima stanza, e lì vi trova altri indizi, che lo conducono a una videocassetta. La guarda. Il messaggio è inquietante, e contiene una minaccia (la stessa che compare nei film horror). Morirai tra cinque giorni se... solo che il messaggio che spiega come fare per sopravvivere è stato cancellato dai ragazzi (a posta, per divertimento) registrandoci sopra uno show televisivo. 
Se all'inizio il giornalista è pure lui convinto che il video sia uno scherzo, mano a mano che investiga si rende conto che tale filmato non è da prendere alla leggera... e da lì comincia la caccia agli indizi per capire come fare a salvare la propria pelle, quella dei suoi collaboratori che hanno visto la cassetta, e persino quella della sua famiglia, che ha guardato il video spinta dalla curiosità, in un momento in cui lui non era presente.

Come ho già detto, il libro si discosta parecchio dai film. Non ci sono ragazzine che escono dal televisore come fossero immagini fuori fuoco, non ci sono persone in fuga, grida, momenti shock, e quant'altro. Si tratta di una storia inquietante, tutta costruita sulle emozioni, e su una ricerca a ritroso nella vita di colei che, si pensa, sia l'autrice del video. E' un racconto pieno di emozioni, di ragionamenti, di paure, di amore per la famiglia. I personaggi hanno uno spessore unico, dall'amico del giornalista, che da gli giovane aveva confessato di aver stuprato delle ragazzine, alla gelosia della moglie perché esclusa in questa parte della vita del marito, fino a rivelazioni che vanno a ribaltare completamente le opinioni che il lettore si era fatto di alcuni personaggi. Il finale, poi... che non vi svelo, pone il protagonista di fronte a un dilemma terribile a cui confesso non vorrei mai essere sottoposto.
Insomma, una bella storia da leggere, che non fa paura, ma che inquieta. Da leggere.



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')