sabato 5 gennaio 2013

Le Iene

Glauco Silvestri
Seconda puntata dedicata ai miei Propositi 2013. Come avevo accennato nel mio precedente post, una delle intenzioni è quella di guardare, almeno una volta, ogni film presente nella mia videoteca personale (e di non aggiungervi film finché non sarò giunto in fondo... che è un buon modo per risparmiare qualche soldino).

Il film di oggi è Le Iene. Seconda pellicola di Tarantino presente nella mia collezione. E' datato 1992, l'ho visto per la prima volta a Roma, sotto la Naja, e ricordo che ne rimasi innamorato. Rispetto a Pulp Fiction, di cui ho parlato pochi giorni fa, Le Iene ha una presenza narrativa più rude, scarna, meno raffinata. Tra i due film citati è ben evidente il percorso evolutivo del regista. Nel primo si vede il genio così come 'mamma l'ha fatto'. Nel secondo si vedono le medesime capacità farcite di esperienza e classe. Una evoluzione dovuta e attesa da molti... e che a mio personalissimo parere non ha compiuto altri passi in avanti. Se con Kill Bill Tarantino si è dimostrato costante, con le successive pellicole il regista ha preferito il percorso della sperimentazione, e un ritorno ai B-movie da lui tanto amati, ove per motivi forzati dalle scelte di regia, si va a perdere parte degli ingredienti che tanto mi avevano colpito ne 'Le Iene' e in 'Pulp Fiction' (senza nulla togliere, comunque, alla bravura di Tarantino, che a mio parere rimane tutt'ora tra i migliori e coraggiosi in regia e produzione cinematografica).

Anche ne 'Le Iene' c'è una bella rassegna di battute epiche che hanno fatto storia. E io non posso sottrarmi da citarvene qualcuna.

Mr. Blonde: Ehi, Joe, vuoi che gli spari?
Mr. White: Cazzo, se mi spari solo in sogno è meglio che ti svegli e mi chiedi scusa!

Mr. Blonde (al poliziotto che sta per torturare): Allora, io non ti voglio prendere per il culo, okay? Non me ne frega un beneamato cazzo di quello che sai, di quello che non sai. Tanto ti torturo lo stesso. Comunque sia, non per avere informazioni. Il fatto è che mi diverte torturare uno sbirro. Puoi dire quello che vuoi, tanto non mi fa nessun effetto. Tutto quello che puoi fare è invocare una morte rapida... Cosa che tanto non otterrai. 

Mr. Blonde (al poliziotto dopo che l'ha torturato): Per te è stato bello come lo è stato per me? 

Mr. White: Uno psicopatico, non è un professionista.

Mr. White: Come hai fatto a scappare?
Mr. Pink: A forza di pallottole. Sparavano tutti, cazzo, ho sparato anch'io!

Mr. White (riguardo un piazzista di diamanti): Si sta facendo vent'anni, a Susanville.
Joe: Vent'anni?... Santo iddio. E per che cosa?
Mr. White: Per sfiga!

Se non l'avete mai visto, recuperatelo, non ve ne pentirete!


Fonte: qui.

About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')