martedì 18 dicembre 2012

Benvenuti a Zombieland

Glauco Silvestri
Pellicola improbabile, quando divertente, e allo stesso tempo non troppo irriverente rispetto al mondo (a volte bistrattato) degli Zombie. Benvenuti a Zombieland è una commedia, ma ciò non vuol dire che si debba rinunciare a sanguinosi inseguimenti, sparatorie, morti mangiati e quant'altro.

La storia comincia in una America invasa dagli Zombie. Il protagonista ci racconta che tutto ha avuto inizio con una mutazione del virus della mucca pazza, ma si tratta di un ragazzino sopravvissuto perché non troppo popolare, che passa i venerdì sera a giocare a Worldcraft, e un briciolo disadattato. Lui si è creato un vademecum su come fare per sopravvivere alla 'pandemia'. Ma è solo... per lo meno fin quando non incontra i suoi compagni di avventure. Il primo è una sorta di super-hero macho che attraversa il paese in cerca di un Twinkie, gli altri due sono due ragazzine che hanno come unico desiderio quello di raggiungere un Parco Giochi sulla costa californiana.
La loro avventura si muoverà sulle highway americane, fino a raggiungere Beverly Hills, e incontrare Bill Murray (sopravvissuto).

Come ho detto, il film non manca di scene sanguinolente, ma allo stesso tempo è dotato di grande ironia. Bravissimi gli interpreti, ovvero Woody Harrelson ed i giovani Jesse Eisenberg, Emma Stone eAbigail Breslin. A tutto ciò va aggiunto un mitico Bill Murray che interpreta sè stesso, e Mike White, il benzinaio... un volto noto anche se non famosissimo.
Davvero un film interessante. Da vedere senza il rischio di rimanere svegli la notte, ma allo stesso tempo non così frivolo da deludere gli amanti del genere horror. Risate e sangue... bella accoppiata!
Ve lo consiglio!


About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')