mercoledì 11 ottobre 2017

Baywatch - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Lo pensavo un film sguaiato, questo Baywatch, ma forse ero stato tradito da un trailer che raccoglieva a regola d'arte ogni momento irriverente della pellicola. In effetti il film è una pellicola che si altalena tra la commedia e il poliziesco, dove le battute sono taglienti solo di rado, dove si espone la sessualità in ogni fotogramma, con continue citazioni a tette, culi, e qualcos'altro, e che a mio parere finisce per sminuire una serie televisiva, che sì era vista sopratutto dai giovani in preda alle tempeste ormonali, ma che allo stesso tempo offriva un buon intrattenimento, raccontando vicende da poliziesco, e vita da spiaggia delle coste americane.
Qui invece si va sul paradossale. Dalla fatalona che commercia in droga e va in spiaggia con i tacchi a spillo, alle bagnine che quando le guardi sembrano correre al rallentatore, al ragazzotto sovrappeso che vuole diventare bagnino perché è innamorato di una di loro, fino all'ex campione olimpionico tanto pieno di sé da non riuscire a fare lavoro si squadra, al punto da rovinare la propria carriera agonistica nonostante le sue capacità fisiche.
Il tutto contornato da un Dwayne Johnson che tiene le redini di tutto quanto e riesce a far stare in piedi una trama che pare abbozzata casualmente ispirandosi a una delle tante puntate della vecchia serie, ovviamente con la scusa di mostrare fisici statuari e muscoli scolpiti. E no... Efron non fa ridere neppure truccato da donna, neppure quando incespica correndo sulla sabbia, quando rimane ipnotizzato a fissare le tette di una bagnina.
Non aiutano neppure i camei regalati alla pellicola da parte di David Hasselhoff e Pamela Anderson, comparsate che ormai ci si aspetta e di conseguenza non sorprendono più, specie quando riguardano proprio qualche fotogramma e basta.

E' un peccato! Sulla carta questo film poteva avere molti assi da giocare, ma alla fine delude, come del resto mi deluse la riproposizione cinematografica di Chips.






Volendo, se avete un abbonamento Amazon Prime, potreste anche guardarvelo in streaming, partendo con un click qui.

Scopri i miei ebook cliccando QUI



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')