giovedì 22 giugno 2017

Ejecta - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Quanti film sono stati realizzati sulle invasioni aliene? 
Quanti descrivono un primo contatto con razze sconosciute?
Quanti hanno affrontato l'argomento UFO?
Ecco, Ejecta è uno di questi, ma è un po' differente da quanto si è visto in altre pellicole, per quanto forse una lontana ispirazione agli X-Files si percepisce in modo innegabile.

Siamo in Inghilterra. Due uomini sono testimoni di un evento inspiegabile nell'atmosfera, c'è una tempesta solare di portata storica e, durante il suo culmine, qualcosa esplode in cielo, e precipita al suolo. I due uomini, incuriositi dall'evento, si avvicinano al luogo in cui l'oggetto è precipitato e... i superstiti dell'incidente cominciano a dar loro la caccia per eliminare ogni tipo di testimonianza. 
Tutto ciò lo veniamo a scoprire durante un'interrogatorio. Già! Uno dei due testimoni è morto, l'altro è stato fatto prigioniero da una misteriosa Task Force che - da tempi immemori - cerca di far chiarezza sulla presenza di alieni sul nostro pianeta. L'interrogatorio è estremamente crudele, e a ogni atto di violenza gratuito, si ottiene qualche frammento in più di ciò che è accaduto in quella notte. Perché il superstite è posseduto dalla forma di vita aliena, e la sua normale personalità si sostituisce a quella aliena solamente in caso di pericolo, di dolore, di rischio per la propria incolumità.

Il film è interessante. Non brilla per originalità, sia nell'immaginare gli alieni - del resto è un film a basso budget, per cui avranno preferito seguire una linea che tutti già sono disposti a riconoscere per aliena piuttosto che immaginare qualcosa di nuovo di sana pianta - sia nella trama, che in certi momenti appare caotica e tale da confondere ciò che è passato e ciò che è presente. La recitazione regge bene per tutto il film, e alcuni dialoghi sono davvero 'sottili' e affascinanti. Altre cose scadono un pochino nell'horror alla Blair Witch Project. Ecco... Forse la colonna sonora è un po' invasiva, ma serve a creare maggiore suspense, visto poi che tutto si sviluppa in poche ambientazioni.

Non male, forse dura un po' troppo e tende a stancare tirando per le lunghe i pochi argomenti di cui dispone, ma vale la pena guardarlo.



Scopri i miei ebook cliccando QUI





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')