mercoledì 9 novembre 2016

La Pubblicazione - #Corso #Scrittura

Glauco Silvestri
Eccoci giunti al punto cruciale della vita di uno scrittore. Con il manoscritto pronto tra le mani, come contattiamo un editore?

Questo libro è disponibile qui.
Diciamo che al giorno d'oggi ci sono molte vie percorribili. Le più comode, immediate, senza rischi sono quelle che seguono:

  • Self-Publishing;
  • Print-On-Demand.
Le due vie si intersecano al punto tale che quasi potrebbero apparire la stessa strategia di pubblicazione. 
La sottile differenza nasce dal fatto che la prima, per come oggi è intesa, è solitamente rivolta ai titoli in formato elettronico, ovvero gli ebook. 
Amazon KDP, Kobo Writing Life, e Simplicissimus Book Farm sono alcune tra le più note piattaforme di pubblicazione elettronica. L'autore diventa praticamente editore di sé stesso. Sceglierà la copertina, il formato, la tipologia di mercato dove piazzare la propria pubblicazione, la promozione e persino la percentuale dei propri guadagni attraverso alcuni click e tutorial vari ed eventuali. Kobo e Amazon, ovviamente, propongono la diffusione attraverso i loro market di riferimento. Simplicissimus è invece multi-piattaforma, ovvero pubblica su più siti tra cui anche quelli già citati, pur offrendo percentuali di guadagno un po' diverse.
Il Print-On-Demand è invece inteso alla stampa dei vostri libri.
In questo caso il libro è visto come tutti lo conosciamo da sempre, di carta, ed è messo in vendita sia sugli store online, sia - in alcuni casi - in libreria. Portali come IlMioLibro e/o Lulu sono storici in questo settore, ma anche BookAbook può essere un punto di partenza, e pure Blurb...

Queste due strade sono facili, veloci, possono dare un po' di soddisfazione, ma... Non sono la via maestra, o per lo meno quella tradizionale. In questo cado dovrete contattare direttamente:
  • Gli editori;
  • Gli agenti letterari.
Contattare gli editori direttamente è un po' rischioso. Se si escludono i grossi nomi, si rischia di cadere nella trappola dei famigerati Editori A Pagamento. Bisogna essere un po' skilled per non cadere nella trappola perché gli editori a pagamento portano alla pubblicazione sicura. C'è chi vi chiederà di collaborare alle spese, chi vi chiederà di comprare un certo numero di copie, in cambio avrete l'ISBN, un po' di promozione su tv e radio locali, la promessa di una diffusione in tutte le librerie in Italia (spesso però solo su ordinazione), qualche presentazione dal vivo in librerie scelte da voi e/o dall'editore stesso. A volte non vi viene chiesto denaro, ma vi viene chiesto di rinunciare al diritto d'autore per un certo numero di copie vendute... Qualunque sia la promessa, in un modo o nell'altro vi verranno chiesti dei soldi in modo così convincente che probabilmente rischierete di farvi convincere.
Gli editori di altro stampo, invece, non si fanno pagare, ma sono molto ma molto più selettivi. Riuscire a entrare nelle grazie di un grosso editore è davvero difficile. Più facile sarà conquistare un piccolo editore. L'esperienza sarà comunque interessante, ma non farete grossi numeri, e probabilmente non diverrete ricchi e famosi. La strada dell'Agente Letterario è percorribile con altre difficoltà. Forse vi verrà chiesto un compenso, o forse una quota sui vostri guadagni. Di solito gli Agenti letterari sono in cerca di 'fenomeni' da proporre alle case editrici. Dovendo metterci la faccia, in genere sono molto seri sia nella selezione, sia nella scelta degli eventuali sbocchi che un testo può trovare nel mondo delle pubblicazioni. 
Il vantaggio di avere un Agente è sicuramente quello di avere un punto di riferimento unico, di non dover diventare 'matto' nel gestire varie richieste a più editori, e di demandare questi sforzi a un'altra persona, così da potervi concentrare su ciò che vi piace veramente, ovvero la scrittura.

Sia che si decida per la prima opzione, che per la seconda, ricordatevi di muovervi con la giusta umiltà. Tenete conto che l'editore, o l'agente, potrebbe non ritenere il vostro testo all'altezza. Alcuni di loro, in risposta a una vostra domanda di pubblicazione, potrebbero anche indicare pregi e difetti del vostro testo, o i motivi per cui è rifiutato, altri invece potrebbero liquidarvi con una breve frase di circostanza, altri ancora potrebbero non rispondere. Dovete tenere conto che editori ed agenti letterari sono subissati di richieste e domande, e di conseguenza spesso non hanno proprio il tempo materiale per rispondere a tutti quelli che propongono loro un testo. E questo è il motivo per cui in tanti cadono nella tentazione di un Editore a Pagamento... Questi ultimi rispondono sempre, e di rado dicono di no.

Tornando a bomba: umiltà! Ma non basta.

Una lettera di presentazione va fatta con criterio. Ci si presenta brevemente, raccontando le proprie esperienze e le proprie vocazioni. Poi va introdotto il testo che volete proporre, basta una breve descrizione, i punti salienti, stop! Il dono della sintesi è sempre ben apprezzato. 
Non inviate direttamente l'intero testo. 
E' inutile. Vi verrà chiesto se ci sarà interesse. E' sufficiente inviare l'incipit, o un breve estratto. Un paio di cartelle sono sufficienti di solito. Tenete conto che molti editori, ma anche molti agenti letterari, indicano sul loro sito come comportarsi per ottenere un primo contatto con loro. Nel caso sia spiegato come fare, seguite alla lettera le loro istruzioni, non serve a nulla fare i furbi.
Ricordatevi che i tempi di valutazione sono lunghi, e lunghi sono anche i tempi necessari per avere una risposta.
Ciò va detto per evitare che martelliate le redazioni nella speranza di ottenere una risposta velocemente e/o per far sì che il vostro testo sopravanzi sugli altri. Dovrete avere pazienza!

Quando e se deciderete di contattare un editore, o un agente letterario, ricordatevi di usare la testa. Informatevi sull'agenzia dell'agente, o sulla casa editrice nel vostro mirino. Guardare il loro catalogo, le loro iniziative, il loro target di lettori. 
Siate preparati, e soprattutto, non sparate nel mucchio alla cieca. 
Se avete scritto un horror è inutile contattare un editore che si occupa di narrativa classica. Oltre a perdere tempo, ci farete una pessima figura. Se un editore, o una Agenzia letteraria, si occupa di più collane, contattateli per capire quale sia il vostro punto di riferimento, quale redazione sia più corretta a cui mandare una mail. Essere cortesi, mostrare rispetto verso l'interlocutore, e dimostrare di voler fare le cose con cura, sarà un buon biglietto da visita per voi esordienti.

Non sparate nel mucchio, quindi. Informatevi, selezionate un certo numero di contatti, fate dei piccoli gruppi da gestire uno alla volta, così che il rischio di sovrapporsi di più risposte positive (se mai dovesse accadere) vi metta in una situazione di imbarazzo.

Un ultima cosa: Alcuni editori, e alcuni agenti letterari, gradiscono ancora che il manoscritto sia inviato in formato cartaceo. Di solito sul sito delle case editrici, e delle agenzie letterarie, è indicato anche il metodo da loro preferito.

E per finire: Nel caso vi venisse chiesto di inviare il manoscritto, non abbiate paura che ve lo rubino. La casa editrice non ci guadagna nulla dal rubare un testo. I suoi guadagni sarebbero analoghi sia che l'autore foste voi, sia che fosse un altro, per cui non fatevi venire dei dubbi ingiustificati.





Scopri i miei ebook cliccando QUI



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')