mercoledì 22 giugno 2016

Struttura - #Corso #Scrittura

Glauco Silvestri
La struttura del mio romanzo 'Il cacciatore di Uomini'
Quando si inizia a scrivere, di solito, ci si mette di fronte a una pagina bianca, una tastiera, e si parte con la scrittura. Così lavorano tanti, specie se alle prime armi. Eppure non è un metodo sensato, perché conduce al rischio di commettere errori facilmente evitabili.
Scrivere, come tutte le attività, necessita di un briciolo di organizzazione del lavoro.

Un testo narrativo è costituito da molte componenti. C'è ovviamente la storia. Ci sono i personaggi. Ci sono le ambientazioni.
Sembra facile, ma così come nei film spesso e volentieri si possono scovare errori banali (n.d.r. Tipo un bicchiere vuoto che diventa improvvisamente pieno), allo stesso modo un autore può cadere in errori analoghi, se non ci si organizza.
Bisogna mettersi a tavolino e organizzare una sorta di struttura del romanzo. 
Diciamo che è lo scheletro di quanto si andrà a scrivere. 
La struttura deve tenere conto degli elementi fondamentali della vicenda, tipo le location, gli spostamenti, le situazioni che si vogliono descrivere, i collegamenti tra storie parallele, i personaggi che interagiscono in ogni singola scena. 
A essa andrebbe aggiunta anche una sorta di rubrica dei personaggi.
Una tipica scheda personaggio da gioco di ruolo
Sembra banale, ma può capitare che per la fretta, o una dimenticanza, un personaggio moro diventi biondo, o anche peggio. Sarebbe meglio costruire una sorta di scheda personaggio, come avviene nei giochi di ruolo, ove indicare tutte le sue caratteristiche, il suo ruolo nella storia, e magari anche un background della sua vita personale, che potrebbe venire comodo per dare maggiore tridimensionalità al carattere.

Tutto ciò, a primo acchito, potrebbe sembrare superfluo, scrittori con grande esperienza sono in grado di gestire tutte queste informazioni senza bisogno di metterle per iscritto, ma quando si è alle prime armi - credetemi - è un esercizio importante. La qualità dello scritto migliorerà moltissimo, anche se dovrete trattenere l'eccitazione del momento e la voglia di buttarvi subito sulla storia.
Avere una struttura, o doverne creare una, non significa il dover seguire uno schema rigido e immutabile. La struttura può essere abbozzata all'inizio, poi modificata in fase di scrittura, resa più complessa, o semplificata, a seconda delle esigenze narrative o del cambio di obiettivi, o di idea. 
E' importante che esista per mantenere viva la coerenza della storia.
Ma non va pensata come un qualcosa che limita la vostra immaginazione.

L'immagine che potete osservare all'inizio di questo articolo è la struttura di un mio romanzo: Il cacciatore di Uomini, inizialmente pubblicato da Pyra edizioni, e poi riproposto in formato ebook autoprodotto, quando Pyra ha abbandonato il mercato editoriale.
Come potete osservare, lo schema è molto semplice. Si tratta di un diagramma di flusso in cui sono indicate le varie scene del romanzo, la loro concatenazione, e poco altro. Il romanzo nasceva come completamento di un'altra opera narrativa, Professione: Assassino, nata come racconto in distribuzione gratuita, e di seguito ampliato fino a diventare un romanzo breve. Ciò mi ha permesso di essere molto sintetico nella struttura de Il cacciatore di Uomini, visto che molti personaggi derivavano dal precedente scritto. Ciò non toglie che abbia comunque valutato ogni intreccio possibile prima di ricorrere alla stesura effettiva del romanzo in questione.
Devo inoltre sottolineare che tale struttura si è evoluta nel tempo, complicandosi negli intrecci, quando nuove idee si sono sovrapposte alle esistenti.

Ogni scrittore può scegliere il modo a lui più congegnale per redigere la struttura del proprio romanzo. Io ho optato uno schema a blocchi per via della sua praticità, e del mio background tecnico. Altri potrebbero preferire metodi differenti, e perché no, anche annotazioni su dei post-it.

Ci sono software di videoscrittura che vengono incontro a questa esigenza. Sono pensati appositamente per gli scrittori, e in alcuni casi, sviluppati sotto la stretta consulenza di scrittori famosi. Uno di questi è Scrivener. Ve ne parlo perché ho avuto modo di usarlo per lungo tempo, e ne ho apprezzato le qualità. 
Il software vi consente di creare una struttura del romanzo, di scriverne le componenti semplicemente cliccandoci sopra, e di rimescolare le varie componenti anche in un secondo tempo, così da - per fare un esempio stupido - far diventare capitolo 2 il quarto e viceversa, se ne avete voglia. 
In più ha un'ampia sessione per la costruzione dei personaggi, ove indicare tutte le loro caratteristiche. Ogni personaggio sarà collegato al testo, così che potrete richiamare facilmente la scheda in ogni momento, per arricchirla con nuovi dettagli, o per consultarla prima di far fare qualcosa di sbagliato al personaggio stesso.
Non mancano sistemi per fare ricerca online, con conservazione delle informazioni all'interno del vostro file, così che sia sempre tutto facilmente rintracciabile e consultabile. Può collezionare fotografie di luoghi e persone, e ha anche un ottimo sistema per la correzione del testo, visto che ogni elemento è sempre connesso agli altri, e richiamabile in modo facile e veloce.
Esistono anche altri software di questo tipo. In passato ne esaminai parecchi, ma alla fine scelsi questo per molti motivi, ma soprattutto per la sua versatilità. Ovviamente... Ciò non significa che dobbiate puntare direttamente all'acquisto di questo, o di un altro software di videoscrittura pensato per la narrativa. Ciò che viene fatto da questi programmi può essere fatto anche senza il loro ausilio, con un po' di pratica e di organizzazione. Il risultato finale non cambia di molto. 
L'importante è avere un ausilio che vi permetta di non perdere il filo, o di non perdere qualche dettaglio fondamentale della storia, e cadere in incoerenze che potrebbero danneggiare il vostro scritto.

Ricordate: Bisogna organizzarsi per bene, costruire una struttura, e avere bene a mente le caratteristiche di ogni personaggio presente nella storia.



Scopri i miei ebook cliccando QUI


About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')