mercoledì 17 febbraio 2016

Pulizia della Fotocamera - #Corso #Fotografia

Glauco Silvestri
La fotocamera è un apparecchio molto sofisticato, e allo stesso tempo molto delicato. Come tutti gli apparecchi tecnologici ha bisogno della sua manutenzione; manutenzione che può essere svolta dal fotografo, se svolta con alcune accortezze.
La pulizia è un elemento fondamentale per la fotocamera.
In rete sono disponibili numerosi kit che possono aiutare in questo compito. Oggetti generalmente di uso comune, che a volte si possono reperire anche tra ciò che si ha in casa. 

Il panno in microfibra è fondamentale. Va bene anche il pannetto che solitamente viene fornito assieme a un paio di occhiali da vista.
Serve anche un pennellino dalle setole morbide. Va bene anche un pennello da pittura, basta che non sia mai stato usato, che le sue setole siano integre, e che siano davvero molto molto morbide.
Una pompetta è una componente da non trascurare. C'è chi soffia, c'è chi alita... Sistemi approssimativi che possono portare più danni che vantaggi, visto che soffiando, o alitando, buttiamo microparticelle di umidità sulle superfici, cosa che potrebbe impedire alla polvere di staccarsi quando andiamo a pulire con il panno, aumentando il rischio di graffiare le lenti.
Gli elementi da pulire sono, le lenti dell'obiettivo, il corpo della fotocamera, il mirino, lo specchio, e il sensore.
Prima regola: Non usate detergenti. 
Seconda regola: Non usate detergenti di alcun tipo, anche se neutri.

La Fotocamera

Il corpo della fotocamera è la parte più semplice da pulire. E' sufficiente utilizzare il panno in microfibra per eliminare le impurità. Nei punti ostinati potete inumidire il panno, senza però esagerare e/o bagnare la fotocamera stessa. Per quanto riguarda il display, prima di utilizzare il panno, è precauzionale soffiare sulla superficie con la pompetta, così da eliminare eventuale polvere, o detriti, che poi con lo strofinamento potrebbero andare a graffiare il cristallo.

Il mirino della fotocamera deve essere pulito con accuratezza. Per fare ciò è necessario togliere la conchiglia in gomma morbida che lo protegge, e che rende confortevole la mira attraverso il nostro occhio. 

Basta far scorrere verso l'alto, con delicatezza, la conchiglia.
A questo punto è importante soffiare con la pompetta attorno a tutta l'area, per far volare via la polvere dalla superficie dell'oculare.
Di seguito, dopo aver ripiegato accuratamente il panno in microfibra, e averlo bagnato con qualche goccia d'acqua, è sufficiente pulire l'oculare, con delicatezza e attenzione, ricordandosi anche degli angoli.

Una volta fatto ciò, è possibile re-inserire la conchiglia di protezione, ovviamente... Dopo aver pulito la gomma che la circonda. 
La pulizia del mirino andrebbe fatta spesso, e in particolar modo ogni volta che si cambia oculare, così da garantire sempre e comunque un'ottima visione a chi deve scattare la foto.
Se si cambia spesso obiettivo, come capita a me, diventa necessario dare una pulita anche alla Mirror Box. Per fare ciò dovremo stare molto attenti a non toccare mai né lo specchio, né il vetrino del sensore.
Togliete l'obiettivo. Utilizzate la pompetta per soffiare via la polvere dallo specchio. Fate attenzione che l'ugello sia sempre lontano dalla sua superficie. Evitate ogni tipo di contatto. Non lo ripeterò mai a sufficienza, usate molta cautela.

Pulire il sensore... Ce n'è davvero bisogno. Se avete una fotocamera moderna, come la mia EOS700D, non dovreste avere problemi di questo tipo, visto queste reflex sono dotate di un sistema di pulizia a ultrasuoni che si attiva all'accensione e allo spegnimento. E' anche possibile eseguire la pulizia in un qualunque momento, dal menù principale della fotocamera, selezionando l'opzione 'Pulisci Ora'.

Per ottenere una pulizia ottimale del sensore attraverso i sistemi automatici della fotocamera è conveniente posizionare la macchina in posizione orizzontale su un tavolo, o su una superficie piana.

Volendo, è possibile pulire il sensore anche manualmente. E' una procedura delicata, ma non impossibile. Per fare ciò è necessario dire alla fotocamera di sollevare lo specchio. Nel menù principale è presente tale funzione. 
Ricordatevi di pulire manualmente il sensore solo se la fotocamera ha la batteria completamente carica. 
Se dovesse scaricarsi la batteria mentre lo specchio è alzato, questo si abbasserà automaticamente rischiando di andare a urtare gli strumenti con cui state pulendo il sensore. Ciò può danneggiare lo specchio, il sensore, o addirittura entrambi.
La fotocamera, comunque, emette un suono di allerta nel caso la batteria dovesse scaricarsi mentre lo specchio è sollevato.

La pulizia del sensore va fatta con la pompetta dell'aria già utilizzata per lo specchio. Evitate spazzole, pennelli, anche se morbidi. Non toccate il sensore per alcun motivo. Evitate di inserire la pompetta oltre l'innesto dell'obiettivo, ciò dovrebbe evitare che, nel malaugurato caso si spegnesse la fotocamera, otturatore e specchio vadano a danneggiarsi.

Nel caso dovessero rimanere delle macchie nonostante l'uso della pompetta, non intestarditevi, piuttosto contattate un centro assistenza ufficiale della vostra fotocamera.

 L'obiettivo

Pulire l'obiettivo della fotocamera è abbastanza semplice. 
  • Se si tratta di semplici impronte digitali, il panno in microfibra è sufficiente. Basta passarlo delicatamente sulla lente, in senso rotatorio, non strofinando a in modo alternato, sempre nella stessa direzione.
  • Se c'è della polvere, prima è meglio utilizzare la pompetta dell'aria. Aiutandovi eventualmente con il pennellino nel caso i granelli fossero ostinati. Agite sempre con la massima cautela. Una volta rimossa la polvere, date una pulita anche con il panno in microfibra, così come descritto qui sopra.
    Alcuni consigliano di usare dei detergenti specifici per le lenti, da applicare con il panno in microfibra, ovviamente dopo aver rimosso la polvere come già indicato. La mia opinione è di non usare liquidi se non strettamente necessario.
Bisogna ricordarsi di pulire entrambe le lenti dell'obiettivo, e non solo quella frontale.
Utilizzate il panno in microfibra, inumidito con qualche goccia d'acqua, per pulire il corpo dell'obiettivo. Esattamente come si è fatto per il corpo della fotocamera.
Non dimenticate di pulire anche i tappi. Delle impurità sui tappi potrebbero rendere vana la pulizia delle lenti.
Per pulire i tappi, usate la pompetta, ed eventualmente il pennellino per ripulire i punti più ostinati.

Per Concludere

La pulizia della fotocamera va fatta al bisogno, non ci sono regole particolari. Può essere buona abitudine quella di pulire l'attrezzatura prima di riporla dove normalmente viene conservata, dopo una sessione fotografica. 
La pulizia delle lenti è meglio che sia fatta ogni qualvolta risulta necessario, anche mentre si sta scattando fotografie, nel caso si siano toccate le lenti, o si sia venuti a contatto con polveri, vento, e quant'altro. Bisogna sempre fare attenzione a non rovinare il trattamento antiriflesso delle lenti (n.d.r. Per questo sconsiglio l'uso di detergenti), e di non graffiarle a causa di un uso maldestro dell'attrezzatura di pulizia.



Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Google+

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip
...e con Amazon Prime la spedizione veloce è gratis!


About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')