mercoledì 21 ottobre 2015

La Messa a Fuoco (parte 1) - #Corso #Fotografia

Glauco Silvestri
In questi mesi abbiamo parlato spesso di esposizione, del triangolo che vincola i tre parametri fondamentali per l'ottenimento di una buona foto (n.d.r. tempo, apertura, sensibilità), di come giostrarsi tra essi per ricavare effetti particolari, o semplicemente una immagine che ci soddisfacesse.
E' sempre stata data per scontata la messa a fuoco, una componente fondamentale della fotografia, che però spesso si trascura perché viene compiuta in automatico dalla macchina (n.d.r. quando non si lavora in manuale), e di solito ci si fida di quello che viene deciso dalla macchina.

Ma come ragiona la macchina quando mette a fuoco l'immagine?
Non tutte le reflex sono uguali, ma in linea di principio seguono delle linee guida generali che permettono al fotografo di non trovarsi spaesato nel caso passi da una reflex a un'altra. Per questo articolo farò fede alla EOS700D, ovvero la mia macchina fotografica. Ci potranno essere delle differenze con quella in vostro possesso, ma in sostanza dovreste comunque comprendere i concetti basilari, e riuscire a sfruttare meglio il vostro mezzo.

Per prima cosa accertiamoci che la macchina fotografica sia settata per la messa a fuoco automatica. Controlliamo che il selettore sull'obiettivo sia su AF, e premiamo il tasto AF sul retro del corpo macchina.
La modalità autofocus di una fotocamera reflex ricerca solitamente l'elemento più vicino a noi, e lo mette a fuoco. 
Per mettere a fuoco è sufficiente puntare la macchina verso il soggetto, e premere fino a metà corsa il pulsante di scatto.
Quando la macchina determina un elemento a fuoco lo evidenzia sul mirino circondandolo con un riquadro. Se si presentano più riquadri significa che esistono più elementi alla stessa distanza di fuoco, e che di conseguenza tutti questi elementi saranno a fuoco al momento dello scatto. 

Questo tipo di comportamento avviene quando si è scelto una delle scene base della ghiera di selezione. 

Alcune macchine permettono di affinare il comportamento dell'autofocus in base al tipo di soggetto che si vuole immortalare, o alle condizioni in cui ci si trova al momento di eseguire lo scatto.
Sono tre possibili scelte tra cui giostrarsi:
  • One Shot: Questa opzione è pensata per i soggetti immobili. Quando si preme il pulsante di scatto a metà, la macchina esegue la messa a fuoco una sola volta. Tenendo premuto a metà il pulsante è possibile bloccare la messa a fuoco, e di seguito correggere l'inquadratura, se lo si desidera. Quando si preme il tasto a fondo viene eseguito lo scatto.
  • AI Servo: Questa opzione è ideale per i soggetti in movimento, specie se la distanza di messa a fuoco cambia in continuazione. In questo caso, quando si preme il pulsante di scatto a metà, la macchina esegue la messa a fuoco del soggetto, va però tenuto premuto a metà per consentire alla reflex di mantenere il fuoco sul soggetto mentre questo si muove. L'esposizione viene regolata solo al momento dello scatto, visto che, a causa del suo continuo movimento, i dati rilevati cambiano in continuazione.
  • AI Focus: E' perfetta per le situazioni in cui un soggetto fermo, all'improvviso, comincia a muoversi. In pratica si mette a fuoco un soggetto fermo premendo il tasto di scatto a metà, esattamente come avviene in One Shot. Se però questo comincia a muoversi, la fotocamera rileva il movimento e passa alla modalità AI Servo, continuando a mettere a fuoco il soggetto durante i suoi spostamenti.

La selezione di uno di questi tre metodi di messa a fuoco avviene grazie al tasto AF posto sul retro della vostra reflex. Una volta premuto il tasto, è possibile selezionare la modalità più corretta sia attraverso la ghiera vicino al pulsante di scatto, sia con i cursori sinistra e destra, disposti anch'essi sul retro della reflex.




Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Google+

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip
...e con Amazon Prime la spedizione veloce è gratis!


About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')