venerdì 4 settembre 2015

Cronache di un venditore di Sangue - #Libri #Recensione

Glauco Silvestri
A volte scelgo libri che escono dalla solita cerchia dei miei gusti, li prendo seguendo l'istinto, più che studiando la quarta di copertina. E' il caso di questo romanzo Hua Yu, Cronache di un venditore di sangue, che no, non è horror, e no, non è un thriller. Tutt'altro, è uno spaccato culturale delle campagne cinesi, la storia di un contadino trasferitosi in città, sposatosi, e costretto a confrontarsi con i formalismi della cultura cittadina, e allo stesso tempo con le rigidità cinesi, e una politica che a seconda dei cambi di potere, hanno mutato l'intera sua vita senza possibilità di scelta.

Xu Sanguan lavora in una fabbrica di seta, e viene da un paese in cui è tradizione sostenere che chi non vende sangue è uomo di salute cagionevole, che non troverà mai moglie. Vendere sangue frutta una somma ingente di denaro, ma poiché il sangue discende dagli antenati non lo si può vendere per futili motivi. Il protagonista venderà il sangue dieci volte: per sposarsi, per la nascita dei figli, per una donna in difficoltà e che da giovane lo attraeva, per via della crisi economica scatenata dal comunismo, ove ogni bene veniva sequestrato alle famiglie perché tanto lo stato si sarebbe occupato di loro (ma solo per breve tempo, portando molti alla rovina, alla fame, e scatenando una carestia durata parecchi anni), per le malattie dei figli, e per farli tornare prima in città dal loro periodo di servizio nelle campagne. Xu Sanguan segna col proprio sangue ogni tappa saliente della propria vita, lungo un percorso che è quello vissuto da tutti i cinesi della Repubblica popolare, e che qui ci viene raccontato con schiettezza attraverso gli occhi di un personaggio tragicomico.

E ammetto che molte volte ho pensato di abbandonare la lettura. Ci ho messo un po' a capire che Xu Sanguan era una macchietta, e che in realtà lo scopo dell'autore del libro era quello di raccontare la vita in Cina, la vita dei cinesi durante un periodo di rivoluzione culturale che ha portato il paese dall'arretratezza assoluta al colosso che è oggi. C'è sarcasmo, c'è drammaticità, ma tutto è raccontato in modo quasi piatto, agrodolce, tanto che è difficile immedesimarsi in Xu Sanguan, così come in uno dei suoi tre figli, o nella moglie, che forse solo alla fine dimostra il proprio affetto per l'uomo con cui ha convissuto tutta la vita.
E' una storia che comunque è toccante, perché mostra anche il distacco generazionale tra i figli e il padre, e la loro breve memoria quando lo deridono per un suo comportamento bizzarro, durante la vecchiaia, e vengono rimproverati dalla madre che ricorda loro tutti i sacrifici fatti da Xu Sanguan per loro.

Dire che è una bella lettura è forse troppo, visto che anche lo stile narrativo è molto distante da quei canoni a cui probabilmente siamo abituati, però è istruttiva, e fa riflettere. Vale la pena provarlo.


Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Google+

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip
...e con Amazon Prime la spedizione veloce è gratis!


About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')