venerdì 21 agosto 2015

Toy Story 2 - #Recensione #Film

Glauco Silvestri
Secondo capitolo della saga dedicata ai giocattoli, prodotta da Pixar. Toy Story 2 si avvia esattamente dal finale del primo film. Andy ha una sorellina, ha un cucciolo di cane, Buzz e Woody sono amici, e tutti quanti son felici e contenti.

E' la festa del cowboy e Andy si prepara al suo weekend all'aria aperta. Mancano 5 minuti alla partenza, c'è tempo per un ultimo gioco, e succede il patatrac. Il braccio di Woody si scuce. Andy si preoccupa. La mamma mette il pupazzo sulla scrivania, nella polvere, tra i giochi ormai abbandonati. Woody è depresso, teme che la sua fine sia vicina. Sulla libreria trova un vecchio compagno, dato per disperso molti anni prima. Parlano qualche minuto, ma poi arriva la mamma, che in assenza del figlio decide di fare un mercatino dell'usato. Raccoglie tutto ciò che in casa non si usa più, compreso il pinguino amico di Woody, quello abbandonato sulla libreria.
Woody però non ci sta... E per quanto menomato, tenta di salvare il vecchio compagno, esponendo sé stesso alle grinfie di chi cerca affari d'oro nei mercatini. Ed è questo il caso... Un collezionista lo adocchia, e quando la madre si distrae, lo prende e scappa.

Bella avventura, anche se meno efficace di quella raccontataci nel primo film. Qui si strizza l'occhio al citazionismo. Si scopre che Buzz Lightyear è figlio di Zork, il robot assassino e suo acerrimo nemico. Si scopre che Woody è il personaggio principale di un noto brand commerciale di un ventennio prima, e si scopre che i giocattoli non sempre sono buoni. C'è anche chi pensa solo a sé stesso, magari a causa del suo triste destino, magari per invidia.
I disegni sono alla stregua della prima pellicola, ancora attualissimi e perfetti. Le gag sono notevoli. Si ride, si ride parecchio, specie quando i giocattoli di Andy fanno un giro nel negozio di giocattoli. Non va tralasciata neppure la sigla finale, ricca di bloopers.

Insomma, anche in questo caso, un bel prodotto Pixar, che però non potrebbe vivere a sé stante, visto che è strettamente legato al primo capitolo della saga.


Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Google+

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip
...e con Amazon Prime la spedizione veloce è gratis!


About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')