sabato 6 dicembre 2014

Repossession Mambo (Repo Men)

Glauco Silvestri
E' la prima volta che mi capita. E' stato interessante leggere la postfazione dell'autore, seguire la nascita di questo romanzo, e il suo sviluppo tanto singolare. Ci son voluti anni affinché esso divenisse romanzo... E film. Già, perché Repossession Mambo (n.d.r. titolo originale) è nato come racconto, è piaciuto come plot, ed è stato riscritto come romanzo e sceneggiatura in parallelo. Due storie scritte sulla stessa idea, con linee guida analoghe ma svolgimenti anche divergenti. E aver visto il film, e letto il romanzo, son state due esperienze simili, ma anche differenti, perché ognuno dei testi è stato pensato - e non adattato - alle necessità del supporto che le avrebbe offerte al pubblico, e ciò le ha rese davvero ben fatte entrambe.
Non andrò nel dettaglio, anche perché ho parlato del film ormai molto tempo fa e qui voglio parlarvi del libro (letto in inglese, ma recentemente apparso anche tradotto in italiano), non del film. Però mi pare giusto far notare ciò che differenzia maggiormente i due prodotti. Il film è incentrato sugli eventi presenti 'presenti', sulla presentazione del personaggio, e la fuga disperata, fino a un finale che stupisce. Azione, violenza, crudezza sono gli elementi essenziali della pellicola. Il libro è invece una biografia del personaggio principale (n.d.r. vuoto di memoria: non mi viene il nome al momento della scrittura di questa recensione... colpa della vecchiaia!), biografia scritta dal personaggio stesso, nei suoi momenti di pausa, dalla fuga. E' di conseguenza un viaggio introspettivo, con simbolismi e una crescita interiore che porta a spiegare certe scelte, e certe situazioni che si vanno a verificare durante lo svolgimento della storia. Soprattutto, il finale è molto diverso, ed estremamente profondo. Azione, violenza, e crudezza ci sono, ma in secondo piano.

E ora passiamo alla recensione vera e propria di Repo Men - il libro.

Siamo in un futuro prossimo. La tecnologia degli organi artificiali ha raggiunto la perfezione assoluta. I trapianti d'organi sono roba da terzo mondo. Se hai bisogno di un cuore, di un fegato, di un ginocchio, e persino di un sistema nervoso tutto nuovo, ora è possibile averne uno artificiale, migliore e garantito per 200 anni, ma soprattutto pagabile in comode rate.
Ma se non paghi le rate che succede? Come avviene per una macchina acquistata col finanziamento, arrivano i recupero crediti e si riprendono ciò che non paghi. Questi sono i Repo Men, e lavorano per lo più tutti quanti per la Credit Union, una finanziaria che si è pressoché specializzata nel finanziamenti dedicati agli organi artificiali. Il migliore tra tutti, però, sta pensando di cambiare mestiere. E' stanco, e il suo quinto matrimonio vacilla a causa del mestiere che fa (così come anche i suoi precedenti matrimoni avevano fatto). E' sul punto di mollare, ma durante uno degli ultimi lavori, qualcosa non funziona con gli attrezzi del mestiere. Si risveglia in un letto d'ospedale con un cuore artificiale... e un bel contratto con la Credit Union per finanziare il costo dell'organo. Col lavoro che fa non ci sono problemi, ma lui voleva smettere... e soprattutto, trovandosi dall'altro lato della barricata, all'improvviso, le sue mani cominciano a tremare quando si trova ad espropriare organi da corpi altrui.
Per cui smette ugualmente di lavorare, e dopo tre mesi il suo conto è in rosso. Si da alla fuga... e nella fuga incontra la most-wanted della Credit Union, una donna che per motivi di salute è pressoché tutta artificiale, tranne il cuore. Questo particolare li rende complementari... e il loro rapporto finisce per andare ben oltre al semplice comune supporto tra fuggitivi.

Storia avvincente, la biografia ci mostra il Repo Men sin dalla gioventù. La sua entrata nell'esercito per le guerre d'Africa, il suo primo amore, la sua prima moglie, i suoi migliori amici, molti di essi morti al fronte. Vicende molto personali inframmezzate con la quotidianità di un lavoro rispettato, temuto, odiato. E così si passa di anno in anno, di fegato in fegato, di moglie in moglie, fino alla notte dell'incidente. C'è del poetico in tutto ciò, soprattutto l'analisi psicologica di questo uomo freddo e calcolatore, il suo rapporto con i figli, e con le ex mogli, nonché con gli stessi 'clienti', è davvero importante. Ci sono pagine e pagine che fanno riflettere. Non è un romanzo di puro intrattenimento, anche se poi è una storia di puro intrattenimento. C'è di più. E per certi versi la versione complementare cinematografica non va a intaccare l'esperienza di lettura. E' come se i due plot fossero storie differenti ispirare al medesimo evento. Non conoscevo Eric Garcia. Poi leggendo la sua biografia ho scoperto che qualcosa di suo mi era già passato tra le mani, molto tempo fa. Niente di speciale, eh, niente di memorabile. Ma questo Repo Men è davvero un bel libro, e allo stesso tempo un bel film, da leggere e vedere.

Lo consiglio.



Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Vimeo

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')