venerdì 11 luglio 2014

Paranorman

Glauco Silvestri
La tecnica dello stop-motion mi affascina da sempre. ParaNorman è probabilmente una delle sue migliori realizzazioni che abbia mai visto sul grande schermo... tutto ciò perché probabilmente unisce a essa anche una CGI di alto livello, e una vicenda davvero ben costruita e divertente.

Siamo un piccolo paese americano. Su di esso vige una antica legenda. Nel '800 una bambina fu arsa viva appesa a un albero perché accusata di stregoneria. Lei, prima di morire, lancia un anatema sui giudici che la condannarono a morte, una maledizione che negl'anni ha continuato a minacciare la cittadina... e che fino ai giorni nostri era stata sventata da un eremita, che ogni anno, in occasione dell'anniversario di quell'evento, andava sul luogo in cui era stata sepolta la strega per placare la sua ira con formule magiche misteriose.
Di generazione in generazione, il compito di proteggere il paese veniva passato di mano in mano a persone capaci di vedere i trapassati... e Norman, ragazzino incapace di nascondere i propri poteri, è il predestinato.
Solo che colui che dovrebbe passare le informazioni necessarie a sconfiggere la strega muore prima di istruire il piccolo Norman... e la città viene invasa da sette zombie.

Film divertente, capace di invertire i ruoli tra zombie e umani. In questo caso chi guarda il film viene spiazzato da ciò che accade, e divertito dai cliché che esso ci mostra attraverso personaggi a dir poco... surreali. Il barbone è in realtà colui che protegge la città. Norman e il suo amichetto sono due esclusi e maltrattati dell'ambiente scolastico. La sorella di Norman è la classica cheer leader interessata solo alle apparenze. Il super palestrato fratello dell'amico di norman è pressoché privo di cervello. La polizia è obesa e incapace di fare il proprio dovere. La popolazione, se singolarmente appare normale, civile, e ben educata, si dimostra una furia incontrollata quando si lascia trasportare dal panico e dal crollo di ogni barlume di controllo morale e civile.
Nel bel mezzo di tutto ciò c'è una sorta di caccia al tesoro per scoprire come placare la strega... e anche qui le sorprese non mancano. Ma non si può svelare tutto, vero?

Davvero ben fatto, divertente, con citazioni curiose a film del terrore e di azione. Una visione adatta sia ad adulti che bambini... anche se alcune scene potrebbero anche turbarli, se son molto piccoli. Lo consiglio.


Scopri i miei ebook cliccando QUI.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')