lunedì 17 febbraio 2014

Il Caso Sbagliato

Glauco Silvestri
Tutti lo chiamano Milo, ma il suo vero nome è Milton Chester Milodragovitch terzo. E' molto noto nella sua città, un po' per il pedigree non indifferente, un po' per ciò che ha combinato nella sua vita dopo una gioventù trascorsa ai funerali di padre (suicida) e madre (alcolizzata). Fa il detective privato, ma con le nuove leggi sul divorzio, il suo lavoro è ormai colato a picco. Se c'è qualcosa in cui Milo è bravo, e ha imparato bene la lezione dai suoi genitori, è bere. Il suo secondo ufficio è - difatti - al Mahoney's bar. Un giorno come tanti altri entra nel suo ufficio la bellissima Helen Duffy... e all'improvviso Milo ha un lavoro di quelli veri. Il fratello di Helen è morto - la polizia dice suicidio - e lei vuole scoprire la verità.

Se la trama potrebbe anche apparire interessante per un Giallo, il contenuto de Il Caso Sbagliato è tutt'altro che solido ed efficace. La narrazione avviene in prima persona. Milo è il classico detective sgangherato con gli agganci giusti, oltre che una predilezione per alcool e anfetamine. La polizia è pressoché assente e incapace. E non ci sono neppure degli antagonisti degni di nota. L'intera vicenda vaga a casaccio tra una bevuta e l'altra, tra una scazzottata e l'altra (spesso senza motivo, spesso alimentata dai vapori dell'alcool), i personaggi hanno poco spessore, e alcuni addirittura appaiono come banali cliché ormai vetusti e abusati. Non c'è mistero. Non c'è una vera storia. Tutto comincia in mezzo a fraintendimenti e bevute, tutto finisce in mezzo a fraintendimenti e bevute. Nel bel mezzo, Milo, vaga come un cieco in una cristalleria, menando cazzotti, sparando a caso, facendo le domande sbagliate, e infilandosi tra le lenzuola di donne sbagliate. Impossibile tentare di ricostruire il caso... davvero impossibile, perché se è evidente che Nickie è coinvolto, tutto il resto pare scritto a casaccio e senza immaginazione. Insomma... se un pregio ce l'ha, questo racconto, è quello di essere bravo a depistare il lettore. Peccato però che il resto abbia poco senso. 

Forse avrei dovuto dare retta alle recensioni viste su Amazon, ma la copertina mi incuriosiva, e per quel giorno, era in super sconto! Va be', evitabilissimo.




Cerchi qualche offerta 'libresca'? Clicca qui (dura fino al 21 Marzo!)



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')