giovedì 12 settembre 2013

The Mist

Glauco Silvestri
Tratto da un racconto di Stephen King, The Mist è un film che ti costringe a dubitare delle normali condizioni climatiche della pianura padana.

Tutto si scatena una mattina, dopo un terribile temporale che danneggia abitazioni, linee telefoniche, e linee elettriche, di una cittadina del Maine, una fitta nebbia si forma fino a coprire l'intera zona. Si tratta di una nebbia strana, anormale, tanto che all'interno di un supermercato, arriva un uomo gridando, e tutto coperto di sangue.
Di comune accordo le porte vengono chiuse, ma poi scoppiano le incomprensioni. Chi afferma che è un semplice fenomeno naturale decide di uscire per tornare a casa... scomparendo nel nulla. Chi decide di rimanere comincia a logorare sé stesso tra panico, dubbi, e le parole di una fanatica religiosa che con sempre più fervore acclama l'arrivo del giudizio universale. Con l'arrivo della notte (e non dei soccorsi), il supermercato viene aggredito da strani insetti, e dai suoi predatori... Da qui si sviluppa un crescendo di terrore, sangue, morte che difficilmente potrà essere evitato.

Il film è intenso, ben recitato, con un finale (per una volta... visto che i finali di King sono spesso deludenti) davvero scioccante. La tensione è ben costruita e si mostra con un crescendo privo di interruzioni. Le creature sono credibili, l'intero contesto, per quanto fantascientifico, si accetta più che volentieri grazie ai piccoli indizi che vengono mostrati, minuto dopo minuto, come fossero ingredienti fondamentali di una gustosa torta macabra. Il must di questa pellicola, comunque, sono i caratteri ben rappresentati dagli attori. Ognuno di essi è una pedina determinante per la creazione dell'intera struttura. C'è un pathos davvero potente. Davvero brava Marcia Gay Harden nei panni di Mrs. Carmody. Brava e convincente nei suoi vaneggiamenti fanatici. Lei è sicuramente il Jolly dell'intero film. E anche Nathan Gamble, nei panni di Billy, il bambino di David Drayton, il personaggio principale. Credo che Billy sia il perfetto ingrediente per generare affezione ai personaggi, per spaventarli, e per scandalizzarli nelle scene più potenti.
Un gran bel film, che consiglio vivamente.





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')