domenica 11 agosto 2013

La variante del Pollo

Glauco Silvestri
Perché un pollo sente l'esigenza di attraversare la strada? La variante del Pollo cerca di spiegare questo arcano mistero attraverso le "ipotetiche" parole di alcuni tra i più importanti autori della narrativa italiana contemporanea.
Il libro, ovviamente, nasce con scopo umoristico e ha la doppia intenzione di divertire, e di introdurre il lettore a differenti stili narrativi dei vari autori italiani. Va sottolineato che i vari interventi non sono stati scritti dagli autori citati, bensì da Renato de Rosa, che li imita con ironia e una notevole attenzione per i dettagli.
E' una piacevole lettura estiva, forse meno divertente di quanto ci si aspetterebbe incontrando il libro per caso, ma comunque curiosa da leggere. A me il libro è stato donato... tanto basta. 
Qui di seguito, invece che la solita recensione, riporto un breve estratto sullo stile di Bartezzaghi:

Molti lettori mi hanno posto il seguente quesito: perché il pollo ha attraversato la strada?
Tanto per cominciare la parola 'pollo' è un antipodo palindromo, cioè spostando la prima lettera, la 'p', in fondo alla parola e leggendo al contrario si ottiene ancora 'pollo'. Proviamo dunque ad attribuire un significato simbolico a questa osservazione. L'iniziale 'p' può ben rappresentare il pollo: il resto della parola - 'ollo' - viene quindi a indicare la strada. Per inciso facciamo notare che Ollo è un comune spagnolo di 374 abitanti situato nella comunità autonoma della Navarra.
Ma torniamo al pollo italiano: lo spostamento della 'p' da una parte all'altra e l'invariata del risultato simboleggiano l'inutilità del gesto: puoi attraversare quanto vuoi ma per te non cambierà nulla, pollo sei e pollo resterai.
La stessa sorte toccherebbe ad altri animali: il t-oro, la v-acca, il t-opo e la rana, mentre esistono bestie in grado di produrre risultati ben diversi e sorprendenti. I lettori si sono sbizzarriti ad applicare il gioco dell'antipode a molti animali da cortile. Odorico Settimini, da Rubizzo sul Frescone, fa notare che il c-ane attraversando la strada trova la sua c-ena, la lettrice Cordelia Rustighi da Troncio della Val Clavicola ha acutamente scoperto che il g-atto invece ne può ricavare solo una spiacevole g-otta. Uno strano caso è stato evidenziato da Anacleto Lazzareschi, da Montefusco, il quale ci ha scritto per segnalare che i gas di scarico delle auto inducono una strana mutazione genetica nella c-apra che, attraversata la strada, diviene c-arpa.
Ancor più curioso è il fatto che l'antipode applicato non all'animale attraversante ma all'entità attraversata trasforma una apparentemente innocua v-ia nell'incitamento più diretto e immediato che possa essere rivolto al pollo: v-ai!
A margine di tutto ciò osserviamo che, fortunatamente, la cozza non possiede zampe.





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')