domenica 28 aprile 2013

Superman Red Son

Glauco Silvestri
Come sapete io non amo molto i supereroi. Facile salvare il mondo se si hanno dei super poteri. Posso giusto accettare i super che hanno un lato umano e più difetti che pregi, come Batman e Spiderman... super fallaci come i Watchmen, capite? Ma eroi invulnerabili come Superman mi stanno davvero sulle scatole.
Però, qualche tempo fa, lessi una recensione su questa graphic novel... e mi dissi: intrigante!

Superman lo conosciamo tutti. Sappiamo che la sua astronave cadde nel bel mezzo della campagna americana, che fu allevato da contadini, che si innamorò di una giornalista ambiziosa del Daily Planet... bene, ma qui succede un qualcosa di diverso. Immaginate se l'astronave fosse caduta in territorio sovietico. Superman cosa sarebbe diventato?

Ebbene è tutto spiegato tra le pagine di Superman Red Son. Lutor rimane il suo antagonista americano. Lo scontro tra titani sarà tanto sconvolgente da stupire ogni lettore di questa vicenda. Sono coinvolti anche Batman, anche lui di origini sovietiche, e Wonder Woman...

Perdonatemi, ma non voglio raccontare cosa si nasconde in questa vicenda. Sappiate che Mark Millar è stato davvero geniale nel costruire questa storia. C'è una influenza orwelliana che perplime (n.d.r. non avrei mai immaginato di utilizzare, un giorno, questo termine!) dalle pagine. L'ideale di una civiltà umana perfetta, senza guerre, senza malattie, senza incidenti, senza pericoli... la perfezione e la sicurezza in cambio della libertà. E' una storia che coltiva ed emana emozioni superiori, che propone valori altissimi, che punta a una razza umana migliore. Per certi versi la trovo... molto più bella di quella classica. I disegni di Dave Johnson e Kilian Plunkett sono davvero raffinati. Ho apprezzato gli schizzi finali in cui i due disegnatori mostrano alcuni provini dei personaggi principali, delle loro divise alternative, dei loro simboli. Ogni dettaglio è ben studiato.
L'unico difetto, che però è scontato visto che si parla di Superman, è che gli antagonisti non hanno possibilità di vittoria già da prima che la storia cominci. Lui è invulnerabile, mentre i cattivi no. Sigh... e qui si ritorna a quanto ho scritto nell'introduzione di questo post.
Ma chiudo un occhio, stringo i denti, e volto pagina. Alla fine della lettura si è sicuramente soddisfatti.



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

2 commenti:

  1. Ok, sei l'ennesima persona (incidentalmente, che stimo pure) che dice un gran bene di questa graphic novel.
    Mi hai (avete) convinto: oggi, la vado a cercare. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mica ti devi sentire obbligato, eh? Pure io ho titubato a lungo prima di prenderlo. :)

      Elimina

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')