domenica 10 marzo 2013

O come Otello

Glauco Silvestri
Tra le tragedie di Shakespeare che più amo c'è l'Otello. La vicenda è incredibile perché mostra la complessità dei rapporti umani in un intreccio di amore, amicizia, fiducia, invidia, odio, rabbia, violenza, e inganno. 
Ci sono proprio tutti gli ingredienti:

  1. Il ragazzo emarginato ma bravissimo;
  2. Il ricco immanicato senza troppe abilità;
  3. Il figlio del capo che non può sfigurare davanti al padre.
  4. La bella di turno, amata dal figlio del capo, amante dell'emarginato, desiderata dal ricco.
Questa vicenda, in O come Otello, viene proiettata ai giorni nostri, in America, nell'ambiente universitario. I tre ragazzi sono giocatori della squadra di basket universitario. Lei è la più bella del college. L'intreccio è potente e dai risvolti tragici (ovviamente). L'invidia è una brutta cosa, specie se è alimentata da sentimenti che potrebbero apparire anche comprensibili. Insomma... ognuno dei tre personaggi ha le sue ragioni. Ma uno dei tre è capace nell'inganno. Un inganno sapiente che avrebbe potuto anche avere successo se le pedine sulla scacchiera avessero avuto un carattere più solido.

Una alternativa tutta italiana è Iago. In questo caso l'ambientazione è tutta italiana, siamo a Venezia, e tre giovani architetti devono collaborare per la preparazione della Biennale. Ottimo film anche questo... ma la versione americana ha qualcosa in più: E' legato a un bel ricordo. Un pomeriggio estivo al cinema da solo. Di fianco a me una ragazza con un cabaret di pasticcini. Abbiamo fatto amicizia. Lei guardia giurata. Io appena uscito da un pomeriggio dal Wall Street Institute. Strano abbinamento. Però un bel pomeriggio. E non chiedetemi i dettagli.




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')